logo
in quale pagina sei
            in quale pagina sei ==> Triangolo Lariano ==> Pietra Lentina       
Tra i due rami del lago
 
i borghi
 
itinerari
 
geolocalizzazione
 
IMMAGINI
SITI DI TREKKING
pagina ufficiale del Club Alpino Italiano
trekking e outdoor
scopri le migliori escursioni guidate nella tua zona
libreria per corrispondenza
vivere la montagna in sicurezza e conoscerla in compagnia
trekking italia
sentieri e itinerari escursionistici
trekking in Lombardia
camminare in compagnia, viaggiare a piedi
sentieri di montagna
il paese dei cammini
viaggi a piedi
rifugi della Lombardia
vie normali
centinaia di itinerari a tua disposizione
Pietra Lentina.

La Pietra Lentina, una vera raritÓ geologica, Ŕ un enorme masso erratico di ghiandone, proveniente dalla Val Masino (Valtellina). ╚ forse uno dei pi¨ voluminosi trovanti della Lombardia, con i suoi 30 m di lunghezza circa, i suoi 10 m di larghezza e i 9 m di altezza, per un volume di circa 1500 metri cubi. Si trova lungo la strada che da Pian Rancio, scende a Bellagio all'altezza del primo tornante; la ComunitÓ Montana Triangolo Lariano ha realizzato una zona di sosta attrezzata con cartelli esplicativi per facilitare la sosta e delimitare l'area.

La superficie superiore di questo masso Ŕ quasi pianeggiante ed Ŕ interessata da piccole cavitÓ dovute probabilmente ad erosione meteorica, ma che una antica tradizione popolare interpreta come il segno di palle infuocate lanciate per divertimento sopra la roccia da diavoli giocherelloni. Tra le diverse incisioni, presenti sulla parte sommitale, possiamo ancora notare due linee disposte ad angolo che segnavano il confine fra il territorio di Civenna e quello di Bellagio, linee che risalgono all'anno 1763.

Cosý la descrive Giacomo Frassi ne "Il governo Feudale degli Abati del Monastero di S. Ambrogio Maggiore di Milano" (1879): "Il pi¨ singolare per grossezza, per la forma e per la vivezza de' suoi spigoli (dei trovanti) Ŕ quello denominato Pietra Lentina posta sul versante nord del monte detto le Caldere che Ŕ un contrafforte settentrionale della catena del S. Primo... Il suo volume approssimativo si pu˛ calcolare in metri cubici mille e trecento. Esso Ŕ di serizzo ghiandone assai grossolano, e nella sua faccia superiore appare qualche vena di eterogenea struttura. Guardando la faccia nord, che Ŕ la parte con cui il masso si presenta con maggior imponenza, si vede a sinistra alsarzi una specie di cupola... Tale rialzamento per˛ non si estende per tutta la larghezza del masso, ma va a scomparire sulla faccia sud. Si ascende senza alcuna difficoltÓ sulla faccia superiore mediante due gradini infissi in un muricciolo che si trova di fianco... Anche della Pietra Lentina si sarebbe pi¨ volte vagheggiato lo sperpero; ma la localitÓ in cui si trova e l'amore del suo benemerito proprietario per questa raritÓ geologica, l'hanno finora preservata dalla distruzione, e si dovrebbe far voti affinchŔ essa venga perennemente conservata come saggio delle poderose forze dei ghiacciaj".

Bibliografia e riferimenti principali:
  - Liberamente tratto dall'autore del sito da pubblicazioni e libri reperibili presso la biblioteca della C.M.T.L.
contatti  |  segnala sito  |  mappa del sito  |  cerca nel sito   |     |   webmaster   |  ?
tutti i diritti riservati © acweb-2004.it
info validazione w3c